Cos'è l'agopuntura

La medicina tradizionale cinese, le cui origini risalgono a cinquemila anni fa, prevede diverse tecniche curative. Tra queste la più conosciuta e originale è l’agopuntura. In Italia e in tutta l’Unione Europea questa disciplina terapeutica può essere applicata solo da medici.

Le basi teoriche dell’agopuntura sono le seguenti: la buona salute è data dal corretto fluire dell’energia vitale nei 12 canali (o meridiani) che scorrono lungo il corpo, poco sotto la pelle. Ognuno di questi presiede a un certo distretto o sistema organico: si parla del meridiano del cuore, del polmone, della pescica, del rene eccetera.

Quando il flusso di energia si altera, o per difetto o per eccesso, si crea uno squilibrio.

Questo in un primo tempo viene compensato e non provoca sintomi, ma col passare del tempo e il persistere dell’alterazione, insorge la malattia.

L’agopuntura ha lo scopo di ripristinare il corretto fluire dell’energia nei meridiani. A tale scopo, il medico agopunturista, dopo un attento esame clinico ed energetico, infigge dei sottilissimi aghi in una serie di punti che si trovano lungo i canali di energia interessati dallo squilibrio. Questi punti sensibili – detti punti d’agopuntura - sono quelli in cui i meridiani “emergono” sulla superficie della cute. Gli aghi servono a “stimolarli” o “frenarli” in funzione del tipo di patologia.

L’azione terapeutica degli aghi si sviluppa lasciandoli infissi per circa venti-trenta minuti a seduta. Mediamente un ciclo di terapia prevede una decina di sedute successive, con un intervallo di due o tre giorni tra l’una e l’altra.

L’infissione degli aghi non è assolutamente dolorosa. Spesso non si ha nemmeno la percezione che siano stati applicati. E durante i venti-trenta minuti di terapia non danno fastidio, anzi ci si rilassa.

Gli aghi sono sterili e monouso.

L’agopuntura può essere praticata a ogni età. E’ adatta anche ai bambini, che vengono trattati con aghi speciali, più piccoli di quelli usati per gli adulti.

L’agopuntura è efficace anche negli animali. Il dottor Khuong, infatti, la applica anche sui cavalli da corsa.